Monero

Monero (XMR) è una cryptovaluta nata su una piattaforma open-source nell’aprile 2014 che si fonda su 3 richieste fondamentali fatte dalla community: maggior privacy, la decentralizzazione e la scalabilità. A differenza di molte cryptovalute che sono derivate di Bitcoin, Monero è basata sul protocollo CryptoNote e possiede notevoli differenze algoritmiche relative alla privacy della blockchain. Nonostante inizialmente Monero non avesse riscontrato un grande successo, nel 2016, cavalcando l’onda del successo del mercato delle cryptovalute, ha riscontrato un aumento della capitalizzazione passando da circa 5 Milioni di dollari a 380 milioni (livello aggiornato al 4.05.2017) ed è ad oggi l’ottava cryptovaluta più utilizzata: questo soprattutto a causa del suo incorruttibile sistema di sicurezza che garantisce l’anonimato nelle transazioni che ha favorito l’adozione di questa fantastica valuta nel mercato del DeepWeb.

La Storia

Monero è stato lanciato il 18 aprile 2014 originariamente sotto il nome di BitMonero, che è un composto di Bit (come Bitcoin) e Monero (che letteralmente signidica “moneta” in esperanto). Cinque giorni dopo il lancio la comunità e gli sviluppatori hanno scelto di abbreviare il nome in Monero. È stato lanciata come primo fork della valuta, basata sul protocollo CryptoNote, ByteCoin. Il fork ha permesso di risolvere alcuni problemi qualitativi dei nodi e di  attuare delle modifiche al precedente protocollo: in primo luogo il tempo di inserimento del blocco nella catena è stato ridotto da 120  a 60 (successivamente è stato riportato a 120) e, invece, la velocità di emissione è stata abbassata del 50%. Poche settimane dopo il lancio, è stato sviluppato un miner GPU ottimizzato per la funzione CryptoNight del proof-of-work.

Il 10 gennaio 2017, la riservatezza delle operazioni Monero si rafforzava ulteriormente con l’uso facoltativo di Alpha Confidential Transactions un algoritmo sviluppato da Bitcoin Core. Un successivo algoritmo di riconoscimento dell’anello (RingCT) ha introdotto un ulteriore livello di riservatezza permettendo di non mostrare gli importi implicati in una transazione a chi non ne avesse partecipato.

Gli sviluppatori hanno definito il massimo livello di Monero emessi che si toccherà nel Maggio del 2022 a 18.132 milioni di unità. Dopo di che, una costante “emissione di coda” di 0,6 XMR per blocco di 2 minuti (modificata inizialmente  a 0,3 XMR per blocco ogni minuto) creerà un’inflazione perpetua inferiore al 1% per evitare la fuga dei miners dalla blockchain di Monero.

Privacy: il punto di forza di Monero

Monero protegge la privacy in tre modi per tutte le transazioni in rete:

  1. Le firme sull’ anello nascondono l’indirizzo di invio
  2. RingCT nasconde l’importo della transazione (attualmente facoltativa , anche se il 95% delle transazioni sono effettuate con RingCT, sarà obbligatoria entro la fine del 2017)
  3. Gli indirizzi predefiniti nascondono l’indirizzo di ricezione della transazione . Un quarto sistema mirato ad accrescere ancor di più la sicurezza, nascondendo il nodo di origine,è in fase di progettazione.

Decentralizzazione

“Monero è alimentato rigorosamente da Proof of Work, ma in particolare utilizza un algoritmo di estrazione  che ha il potenziale per essere efficientemente utilizzato da miliardi di dispositivi esistenti (qualsiasi moderna CPU x86).  Monero usa il CryptoNight Proof of Work (PoW), che è progettato per essere utilizzato nelle CPU ordinarie. Le ambizioni di espansioni del mining consentiranno l’estrazione dalla CPU del computer dell’utente dando la possibilità di prendere le distanze dalla centralizzazione delle miningfarm e di perseguire la vera visione originale di Satoshi Nakamoto di un vero sistema peer-to-peer.

Dove comprare Monero

Ecco una lista dei principali exchange dove puoi acquistare Monero in ordine di volumi di scambio:

Dove conservare Monero

Monero al momento non è supportato da nessun hardware wallet, ma sono comunque presenti numerose alternative testate dalla community degli sviluppatori che puoi trovare sul loro sito web.