ico fallite 2017 2018

Ma è vero che il 46% delle ICO nel 2017 sono fallite?

Quasi un anno fa, noi ve lo avevamo detto: non è tutto oro quello che è ICO. Il fenomeno delle Initial Coins Offering è diventato virale in pochi mesi dall’inizio dello scorso, quando invece lo stesso (fenomeno) era iniziato nel 2013 con la prima raccolta di capitali svolta da MasterCoin (successivamente diventato Omni Layer). Il positive sentiment globale combinato all’hype mediatico di Bitcoin e Blockchain hanno convito molti che il guadagno era alla portata di tutti e, soprattutto, non si sarebbe mai fermato.

Tuttavia, questa idea si è scontrata con una triste realtà: il positive sentiment era guidato solamente da avarizia dei singoli e dalla voglia di riottenere l’occasione di acquisire enormi somme di Bitcoin e altre criptovalute valide, quando quest’ultime hanno valori nominali troppo alti per poterne comprare grandi volumi. Ahimè, quasi una ICOs su due (si stima intorno al 45%) createsi nel 2017 sono letteralmente fallite.



Cosa vuol dire ICO fallite?

Secondo Tokendata, nel corso dell’ultimo anno sono state lanciate 902 ICOs. Tra questi progetti, 142 sono falliti nella fase di finanziamento, mentre altri 276 sono falliti dopo aver raccolto i fondi. Inoltre, 113 vengono definite come “semi-fallite”, poiché il loro team di sviluppo ha smesso di interagire con la community. Un ICO fallisce quando il valore della sua capitalizzazione tende a zero. Quando il team di sviluppo sparisce, compreso di sito web.

Purtroppo, il mondo in rete non è molto differente da quello reale. La sua metafisica, il suo valore intrinseco, rispecchia esattamente le dinamiche delle interazioni tra persone. L’unica cosa che conta è il proprio benessere e l’invisible hand di Adam Smith non funziona. 

Come risolvere questo problema? Purtroppo estirpare alla radice questa caratteristica umana è difficile, ma tuttavuaqualche sviluppatore ha pensato un modo per “tenere a bada” e limitare il fenomeno di abbandono dei team ad un progetto, dopo aver raccolto i fondi e promesso speranze.

Questo meccanismo si chiama Daico e verrà approfondito nel prossimo articolo. Commenta qui sotto per ulteriori informazioni.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*