Lisk

Prima di parlarvi di cosa sia Lisk dobbiamo parlare necessariamente della sua nascita. La piattaforma è nata da una fork (una diramazione) della blokchain di Crypti. Al progetto Crypti lavorava anche Max Kordek, CEO e Founder della Lisk Foundation.

Quando, all’inizio del 2016, Kordek si rese conto che i fondi raccolti con la ICO di Crypti non erano sufficienti per raggiungere l’obiettivo prefissato decise di sviluppare questa nuova piattaforma.

Lisk è una piattaforma di nuova generazione, basata su un network decentralizzato (blockchain), che rende più accessibile la costruzione e la distribuzione di applicazione decentralizzate. Questa facilitazione deriva dalle sue caratteristiche poliedriche. Lisk da’, agli sviluppatori, la possibilità di costruire applicazione decentralizzate (dApp) con linguaggi di programmazione più mainstream quali JavaScript e Node.js.

 

Come funziona Lisk?

A differenza di ciò che accade per le dApp su Ethereum, le applicazioni costruite su Lisk non avranno la sua stessa blockchain bensì saranno costruite su una blockchain parallela chiamata sidechain. Questa implementazione fa’ sì che in caso di errori di scrittura o di bug nei codici, non si debba ricorrere ad un hard fork, che molto spesso è destabilizzante vd. The DAO.

La sidechain sarà completamente customizzabile e non conserverà le caratteristiche, i bug o i protocolli della mainchain (blockhain “madre”). La novità offerta da questa piattaforma, oltre a garantire maggiore facilità nello sviluppo, è quella di tutelare ogni singola applicazione da possibili errori di programmazione che potrebbero inquinare i codici delle altre sidechain o della stessa mainchain. Tutte le transazioni e i processi di costruzioni di chain parallele sono possibili grazie a LSK, il token di riferimento.

Consenso di Lisk, la DPoS

Lisk è un network decentralizzato come Bitcoin, Nxt o BitShares. Ma a differenza dei primi due non utilizza il protocollo della proof-of-work o della proof-of-stake.
I blocchi di Lisk vengono verificati tramite il protocollo Delegated proof-of-stake, una semplice implementazione dell’algoritmo originale di BitShares. Questo significa che ogni detentore di LSK (token di Lisk) può votare in favore dei delegati della mainchain. I delegati saranno incaricati di validare i blocchi e di rendere sicuro il network. La Delegate proof-of-stake è sempre un protocollo di autenticazione.

C’è un massimo fissato di 101 delegati attivi (eletti dal network su base maggioritaria): solo loro possono guadagnare i gettoni generati dalla verifica dei blocchi. Questo comporta l’esistenza di un incentivo economico che spinge i detentori di Lisk ad essere attivi nella risoluzione dei problemi del network e nell’aiuto di tutto il sistema.

Tutti i delegati attivi (detentori di LSK) che non hanno ottenuto i voti sufficienti rimangono in stand-by. Nel caso qualcuno dei delegati eletti non contribuisse attivamente o nel caso vi sia la costruzione di una nuova sidechain che necessita di delegati per la verifica dei blocchi saranno eletti e potranno ricevere i reward previsti.

 

 

Per maggiori informazioni qui c’è il link del whitepaper in inglese https://github.com/slasheks/lisk-whitepaper/blob/development/LiskWhitepaper.md  

Oppure il blog ufficiale del progetto: https://blog.lisk.io/what-is-lisk-and-what-it-isnt-e7b6b6188211